RICERCA
spaziatore
spaziatore
spaziatore
spaziatore

NEWSLETTER
Per essere sempre aggiornato sulle novità del nostro Portale, registrati a Dirittosuweb.

Collabora con noi
Collabora attivamente alla realizzazione di Dirittosuweb inviando articoli, note a sentenze, atti, relazioni, tesi, sentenze integrali, ordinanze, recensioni alla nostra Redazione

APPROFONDIMENTI
Amministrativo
Cittadini
Contratti
Diritto d'autore
Giusto processo
Impresa
Internet
La giurisprudenza
Le letture del giurista
Marchi, brevetti e nomi a dominio
Minori e rete
News
Privacy
Recensioni
Transnazionale

SITI SU WEB
Associazioni
Consulenza online
Diritto ambientale
Diritto amministrativo
Diritto civile
Diritto del lavoro
Diritto e internet
Diritto penale
Internazionale
Istituzioni
Leggi e gazzette ufficiali
Portali giuridici
Raccolte links
Studi legali
Tutela consumatori

Consulenza legale aziendale


 

Sei in: Approfondimenti Impresa
La commissione europea avvia la procedura di infrazione contro l’italia per il dtt

Il 20 luglio scorso è stata avviata dalla Commissione Europea una procedura di infrazione nei confronti dell’Italia per le problematiche   emerse dall’attuazione della Legge Gasparri.
Come è noto, questa si occupa di disciplinare l’avvento della televisione digitale in Italia.
 
L’accusa principale mossa dalle autorità antitrust comunitarie è quella di  creare una cristallizzazione del mercato televisivo, favorendo e sostenendo il duopolio Mediaste-Rai, che governa la maggioranza delle frequenze nel digitale. Non a caso, il 46% degli impianti e delle frequenze per la trasmissione analogica è detenuto dalla RAI, il 36% è di Mediaset.
Per il digitale terrestre è quest’ultima a controllare il 41% di frequenze e impianti, contro il 12% della RAI. Si comprende come il maggior timore dell’UE è proprio quello di dover riaffrontare le difficoltà che hanno caratterizzato il mercato della tv analogica, nel quale i due “player” operano in regime.
La Legge in questione associa la possibilità di ottenere le frequenze per il DTT  soltanto alle emittenti che posseggono una rete analogica, impedendo  così l’accesso al mercato di nuovi operatori.

Il Governo non sembra essere colto di sorpresa dall’iniziativa europea: da tempo sostiene una riforma della Legge Gasparri ma afferma la necessità di maggior tempo per ovviare ai problemi di scarsa diffusione dei decoder, di copertura e, soprattutto, di blocco del mercato televisivo.
Il DTT, infatti, non prenderà piede prima del 2012.

La procedura in atto comporta che l’Italia, entro due mesi, chiarisca nei dettagli come intende rimediare alle norme che contravvengono le direttive comunitarie.


Autore: Monica Sansone


ACCESSO
spaziatore
spaziatore
 Username
 Password
   
spaziatore
  Salva password
spaziatore


PARTNER:


CONSULENZA LEGALE
Dirittosuweb mette a disposizione di Enti, Aziende e Professionisti tutta l'esperienza acquisita sul campo in questi anni, per fornire in breve tempo pareri e consulenze.

SITI SU WEB
Per segnalare un sito di interesse giuridico e renderlo visibile all'interno della nostra Comunità clicca qui.

Ultimi inserimenti
Studio Legale Casillo Possanzini
29 ottobre 2014 
Sostituzioni Legali
18 marzo 2014 
Studio Legale Avv. Di Stadio - Milano
26 novembre 2013 
SMAF & Associati, Studio legale
16 settembre 2013 
Studio Legale Reboa
25 giugno 2013 
I più cliccati del mese
Studio Legale Sisto - Salerno - Napoli - Campania
3755 click
Condominioweb/Il sito italiano sul condominio
3119 click
Domiciliazione Salerno
2865 click
Centro Studi Brevetti
2326 click
Pagina Libera
2219 click