RICERCA
spaziatore
spaziatore
spaziatore
spaziatore

NEWSLETTER
Per essere sempre aggiornato sulle novità del nostro Portale, registrati a Dirittosuweb.

Collabora con noi
Collabora attivamente alla realizzazione di Dirittosuweb inviando articoli, note a sentenze, atti, relazioni, tesi, sentenze integrali, ordinanze, recensioni alla nostra Redazione

APPROFONDIMENTI
Amministrativo
Cittadini
Contratti
Diritto d'autore
Giusto processo
Impresa
Internet
La giurisprudenza
Le letture del giurista
Marchi, brevetti e nomi a dominio
Minori e rete
News
Privacy
Recensioni
Transnazionale

SITI SU WEB
Associazioni
Consulenza online
Diritto ambientale
Diritto amministrativo
Diritto civile
Diritto del lavoro
Diritto e internet
Diritto penale
Internazionale
Istituzioni
Leggi e gazzette ufficiali
Portali giuridici
Raccolte links
Studi legali
Tutela consumatori

Consulenza legale aziendale


 

Sei in: Approfondimenti Minori e rete
La lotta alla pedofilia oltre il momento emotivo
Il clamore suscitato in questi ultimi giorni da numerose inchieste giudiziarie, che hanno coinvolto decine di persone su tutto il territorio nazionale, ha messo in luce ancora una volta quanto sia vasto e capillare il fenomeno- pedofilia.
Ed è emerso chiaramente che le pur efficaci strategie di contrasto dovranno essere ulteriormente perfezionate.
Negli ultimi anni molto già è stato fatto: la legge 269/88 rappresenta una normativa efficace, che ha dato dei concreti risultati e, soprattutto, ha avuto il merito di realizzare l’obiettivo della tutela del minore rispetto a tutte le forme di pedofilia, tradizionali e non.
In questo senso la legge 269/98 è stata anche in anticipo sui tempi , specialmente rispetto alla Decisione del 29 maggio 2000 del Consiglio dell’Unione Europea relativa alla lotta contro la pornografia infantile su internet, e di cui si è ampiamente trattato su Diritto su web del 2/10/2000.
Ciononostante esistono ancora delle importanti decisioni di politica legislativa che dovranno essere adottate al più presto.
La prima riguarda il come considerare il pedofilo: un criminale oppure un soggetto ammalato da curare.
E’ una scelta questa estremamente delicata, che implica un radicale mutamento nell’ approccio al problema.
E poi si dovrà adottare una scelta operativa che concretamente eviti il ripetersi di comportamenti pedofili.
Attualmente al Senato, presso la Commissione Speciale in materia di infanzia, sono allo studio tre disegni di legge: il 3045/98, il 4823/2000 ed il 4847/2000.
Tutti hanno ad oggetto la prevenzione ed il contrasto della reiterazione dei reati a sfondo sessuale commessi ai danni dei minori.
I ddl in esame sono accomunati dall’inquadramento del pedofilo come un soggetto malato e da assistere: nel corso della detenzione e nel periodo post-carcerario sono ipotizzate delle forme di terapia.
Occorrerà poi decidere se dette terapie debbano essere spontanee o coercitive, e sul punto i Ddl non hanno una posizione univoca.
Inoltre il pedofilo, una volta scarcerato, dovrà informare il Magistrato di Sorveglianza competente per territorio sulla propria residenza e domicilio, e delle eventuali mutazioni delle stesse, il tutto per un periodo di cinque anni.
L’opera di prevenzione sarà finalizzata anche ad evitare la frequentazione di ambienti a rischio (scuole, enti o associazione con una utenza prevalente di minori degli anni 14) per quei soggetti con precedenti per pedofilia.
A questo proposito, ispirandosi al collaudato modello statunitense, la polizia Giudiziaria provvederà ad avvisare tempestivamente anche i presidi di scuole, i provveditori della presenza in zona di persone “pericolose”, affinché questi ultimi possano prendere le opportune contromisure.
Sono inoltre disciplinate numerose forme di controllo, ed è contemplato il ritiro del passaporto ed il divieto di espatrio verso paesi mete abituali del turismo sessuale.
Qualora, poi, la condotta “pregiudizievole” sia stata commessa in ambito familiare, potrebbe essere disposto l’allontanamento del genitore (o parente) reo.
E’ inoltre allo studio la creazione di un “Osservatorio per la lotta all’abuso ed allo sfruttamento sessuale dei minori”, con compiti essenzialmente di banca dati e di raccordo con altre analoghe organizzazioni a carattere nazionale ed internazionale.
Gran parte del lavoro, poi, coinvolgerà le scuole, con l’istituzione del garante scolastico (figura ricoperta dal medico scolastico) e con l’impiego di personale altamente specializzato, come psicologi infantili o psicoterapeuti.
I tre disegni di legge hanno l’obiettivo di favorire anche la massima permeabilità e contatti tra scuola, famiglia ed istituzioni, il tutto senza far scatenare un clima di caccia alle streghe contro “mostri” reali ed immaginari.
Resta da domandarsi se una simile politica giudiziaria risulterà vincente, ma questo lo potranno dimostrare solo i fatti.
In ogni caso è quanto mai opportuno che una legge in materia sia approvata in tempi brevi, e questo per completare su tutti i fronti la linea di contrasto e prevenzione del fenomeno-pedofilia.

Autore: Avv. Stefano Massa


ACCESSO
spaziatore
spaziatore
 Username
 Password
   
spaziatore
  Salva password
spaziatore


PARTNER:


CONSULENZA LEGALE
Dirittosuweb mette a disposizione di Enti, Aziende e Professionisti tutta l'esperienza acquisita sul campo in questi anni, per fornire in breve tempo pareri e consulenze.

SITI SU WEB
Per segnalare un sito di interesse giuridico e renderlo visibile all'interno della nostra Comunità clicca qui.

Ultimi inserimenti
Studio Legale Casillo Possanzini
29 ottobre 2014 
Sostituzioni Legali
18 marzo 2014 
Studio Legale Avv. Di Stadio - Milano
26 novembre 2013 
SMAF & Associati, Studio legale
16 settembre 2013 
Studio Legale Reboa
25 giugno 2013 
I più cliccati del mese
Studio Legale Sisto - Salerno - Napoli - Campania
3755 click
Condominioweb/Il sito italiano sul condominio
3119 click
Domiciliazione Salerno
2865 click
Centro Studi Brevetti
2326 click
Pagina Libera
2219 click