RICERCA
spaziatore
spaziatore
spaziatore
spaziatore

NEWSLETTER
Per essere sempre aggiornato sulle novità del nostro Portale, registrati a Dirittosuweb.

Collabora con noi
Collabora attivamente alla realizzazione di Dirittosuweb inviando articoli, note a sentenze, atti, relazioni, tesi, sentenze integrali, ordinanze, recensioni alla nostra Redazione

APPROFONDIMENTI
Amministrativo
Cittadini
Contratti
Diritto d'autore
Giusto processo
Impresa
Internet
La giurisprudenza
Le letture del giurista
Marchi, brevetti e nomi a dominio
Minori e rete
News
Privacy
Recensioni
Transnazionale

SITI SU WEB
Associazioni
Consulenza online
Diritto ambientale
Diritto amministrativo
Diritto civile
Diritto del lavoro
Diritto e internet
Diritto penale
Internazionale
Istituzioni
Leggi e gazzette ufficiali
Portali giuridici
Raccolte links
Studi legali
Tutela consumatori

Consulenza legale aziendale


 

Sei in: Approfondimenti Giusto processo
I riti semplificati del nostro Codice di Procedura Civile.

La innovativa Legge n. 69/2009 concernente la Riforma del Processo Civile enunciava, tra le diverse modifiche che si prefiggeva di apportare nell’ordinamento giudiziario, la riduzione e semplificazione dei riti civili di cognizione. In estrema sintesi, si trattava (e si tratta) di un importante cambiamento finalizzato a limitare a 3 i 33 riti disciplinati in modo differente ed autonomo da singole leggi speciali. A rendere effettiva tale dichiarazione di intenti ha provveduto il recentissimo Decreto Legislativo recante nn. 36 articoli concernenti "Disposizioni complementari al codice di procedura civile in materia di riduzione e semplificazione dei procedimenti civili di cognizione, ai sensi dell’articolo 54 della legge 18 giugno 2009, n. 69" approvato dal Consiglio dei Ministri l’01/09/2011 (rfm: Comunicato del CdM n. 151/2011).

Attualmente, dunque, sono presenti nel nostro panorama civilprocessualistico tre modelli unitari, raccolti in un unico testo normativo complementare al c.p.c., in sostanziale prosecuzione del IV libro: il rito ordinario di cognizione, il rito del lavoro ed il rito sommario di cognizione. A precisare, poi, l’ambito applicativo di ogni singolo modello è l’art. 1 del decreto legislativo in parola, a tenore del quale si intende per “ a) Rito ordinario di cognizione: il procedimento regolato dalle norme del titolo I e del titolo III del libro secondo del c.p.c.;  b) Rito del lavoro: il procedimento regolato dalle norme della sezione II del capo I del titolo IV del libro secondo del c.p.c.;  c) Rito sommario di cognizione: il procedimento regolato dalle norme del capo III bis del titolo I del libro quarto del c.p.c.”.

Dunque, saranno trattati col rito ordinario di cognizione, tra l’altro, anche i procedimenti relativi a:

- rettifica di attribuzione di sesso;

-  liquidazione degli usi civici;

- Opposizione a procedura coattiva per la riscossione delle entrate patrimoniali dello Stato e degli altri enti pubblici.


Invece, seguiranno il rito del lavoro i procedimenti in materia di:

- privacy;

- controversie agrarie;

- protesti;

- opposizioni a sanzioni amministrative (quali: opposizione a verbale di violazione del Codice della strada, opposizione a sanzione amm.va  in materia di stupefacenti, opposizione a ordinanza ingiunzione ecc).

Infine, saranno disciplinati dal rito sommario di cognizione le materie di:

- immigrazione;

- TSO, Trattamento Sanitario obbligatorio;

- spese di giustizia;

- intercettazioni;

- discriminazioni;

- opposizione alla stima nelle espropriazioni per pubblica utilità, ecc.

Sono rimasti fuori dalla riforma alcuni riti speciali non toccati dalla delega conferita dal Parlamento al Governo e, precisamente:

- i procedimenti in materia di famiglia e minori, per i quali il Governo si riserva di intervenite nell’ambito della istituzione del tribunale della famiglia e delle persone;

- le procedure concorsuali (già riformate ben 2 volte  negli ultimi 5 anni);

– i procedimenti in materia di titoli di credito, Codice del Consumo, Codice della proprietà industriale …;

- i procedimenti di diritto del lavoro ex L. 300/1970.

E’ stato previsto, infine, nell’applicazione delle modifiche civilisticoprocessurali il possibile mutamento di rito.

Se ne occupa l’art. 4, del Decreto Legislativo in parola, che così dispone: “Quando una controversia viene promossa in forme diverse da quelle previste dal presente decreto, il giudice dispone il mutamento del rito con ordinanza… pronunciata dal giudice, anche d’ufficio, non oltre la prima udienza di comparizione delle parti… Quando dichiara la propria incompetenza, il giudice dispone che la causa sia riassunta davanti al giudice competente con il rito stabilito dalle disposizioni del presente decreto. Gli effetti sostanziali e processuali della domanda si producono secondo le norme del rito seguito prima del mutamento. Restano ferme le decadenze e le preclusioni maturate secondo le norme del rito seguito prima del mutamento.”.


Autore: Samantha Mendicino


ACCESSO
spaziatore
spaziatore
 Username
 Password
   
spaziatore
  Salva password
spaziatore


PARTNER:


CONSULENZA LEGALE
Dirittosuweb mette a disposizione di Enti, Aziende e Professionisti tutta l'esperienza acquisita sul campo in questi anni, per fornire in breve tempo pareri e consulenze.

SITI SU WEB
Per segnalare un sito di interesse giuridico e renderlo visibile all'interno della nostra Comunità clicca qui.

Ultimi inserimenti
Studio Legale Casillo Possanzini
29 ottobre 2014 
Sostituzioni Legali
18 marzo 2014 
Studio Legale Avv. Di Stadio - Milano
26 novembre 2013 
SMAF & Associati, Studio legale
16 settembre 2013 
Studio Legale Reboa
25 giugno 2013 
I più cliccati del mese
Studio Legale Sisto - Salerno - Napoli - Campania
3752 click
Condominioweb/Il sito italiano sul condominio
3111 click
Domiciliazione Salerno
2864 click
Centro Studi Brevetti
2325 click
Pagina Libera
2218 click